Pubblicato da: hattiva | 24/12/2012

Usi, tradizioni e costumi di Sauris – II giorno

Stamattina, venerdì 14 dicembre, ci siamo svegliati presto per andare a visitare il prosciuttificio Wolf a Sauris di Sotto, ma a causa del tempo non abbiamo potuto muoverci… Siamo allora andati a visitare il museo etnografico che si trovava a Sauris di Sopra, e siamo andati a piedi.
Qui ci hanno spiegato le varie tradizioni di Sauris, la storia dei costumi, la lingua e le leggende.
Usciti, ci siamo messi a giocare a palle di neve. C’era infatti tanta neve…
Il pomeriggio ci avrebbe atteso il corso di pasticceria… Ci preparavamo ad affrontare la preparazione di prelibatezze e leccornie che poi avremmo mangiato il giorno dopo a colazione.
Alessandro e Jessica

Venerdì sono andato a vedere il museo di Sauris. C’era una macchina per lavorare il lino. Si facevano i vestiti per gli uomini e per le donne.
C’era poi una falce per falciare l’erba, tanti attrezzi per il falegname.
Ci hanno anche fatto vedere le maschere tipiche di Sauris in legno.
Fabio

Venerdì 14 dicembre ci siamo alzati presto e dopo aver fatto colazione, io, Eddi, Gabriele e Max siamo andati in giro per il paese e io ho comprato il Messaggero Veneto che compro e leggo ogni giorno.
Poi abbiamo visitato il museo, dove ci hanno raccontato i mestieri che facevano una volta in carnia. C’erano anche le maschere tipiche di Sauris in legno e io le ho provate. Ci hanno raccontato anche la storia di come costruivano le case in legno a Sauris.
Il pomeriggio ho partecipato al corso di pasticceria. Io ero in gruppo Con Nicole, Sergio, Max e abbiamo fatto i biscotti di natale. Questa cosa mi è piaciuta molto perché era la prima volta che facevo i biscotti i novità mia. Mattia

Curiosità…
Ma lo sapevate che 4 anni fa a Sauris sono scesi sette metri di neve?
Sauris di Sopra si trova a 1400 metri di altitudine, è il paese più alto della carnia!
Il lago di Sauris si è formato 70 anni fa, quando è stata costruita la diga. Le case sono rimaste sommerse e gli abitanti hanno dovuto spostarsi…
La leggenda narra che i fondatori di Sauris siano stati due tedeschi, scappati dalla Germania, stanchi della guerra. Qui hanno trovato un posto dove stare in pace e tranquillità e si sono insediati.
Oggi vivono a Sauris 400 persone.
Il burro di Sauris è molto buono, grazie anche alla bontà e alla varietà delle erbe presenti sul territorio. Sapevate che in Carnia è presente una varietà di fiori pari a quella dell’intera Germania?
Sapete come pulivano l’orzo una volta raccolto un tempo? Per togliere le impurità, la polvere, i gambi, buttavamo l’orzo contro un lenzuolo. In aria, infatti, rimaneva la polvere, mentre il chicco cadeva pulito.
La lingua di Sauris è il saturano. Da vent’anni lo si insegna anche nelle scuole elementari e nell’asilo del paese.
Sapete con che tipo di legno vengono costruiti i tetti delle case di Sauris? Si usa l’abete bianco ed il larice perché sono più resinosi e quindi più impermeabili all’acqua. La spaccatura del pezzo, inoltre, segue la venatura del legno, e questo rende ancora più impermeabile il legno.

CIMG7792

CIMG7793

CIMG7797

CIMG7803

CIMG7805

CIMG7806

CIMG7810

CIMG7814

CIMG7816

CIMG7817

CIMG7819

CIMG7824

CIMG7825

CIMG7828

CIMG7833

CIMG7834


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: